LIBANO

GHADI

Condividilo!
DI AMIN DORA

✨ PREMIO DELLA GIURIA 2015

Libano 2013, 1h35, dramma
Un paesino tradizionale al nord del Libano una giovane coppia si sposa e ha dei figli. Due bambine nascono, e poi un figlio tanto atteso, Ghadi. Ma rapidamente, le analise mediche indicano delle anomalie nel ragazzo. Come reagirà la famiglia e il paesino nei confronti di Ghadi? Versione originale con sottotitoli in italiano

In collaborazione con l’Ambasciata del Libano in Italia

Le motivazioni della giuria :

«Il film affronta con mano leggera ma non meno efficace, il tema doloroso di un handicap, la sindrome di Down, da cui è affetto il piccolo Leba. Un pretesto narrativo che utilizza la favola come strumento di comprensione della realtà, per evidenziare, far riflettere ma anche far sorridere, sulle intolleranze, sulle superstizioni, sulle ingenuità degli abitanti di un piccolo paese del Libano ma che trovano analogie in ogni parte del mondo. Senza mai cadere nelle trappole del moralismo, della retorica, della compassione, il regista, con il sostegno dell’impeccabile sceneggiatura di Georges Khabbas che è anche il protagonista, padre di Leba e artefice dell’ingegnosa giravolta dello stato delle cose, costruisce un’ inattesa trama di solidarietà tra diversi e perdenti che si scoprono vincenti col cuore, trasformando il demonio in un’angelica bellezza. Un film che racconta una storia universale di amore e speranza, in uno spazio e un luogo sospesi dove le credenze popolari sono parte integrante della narrazione stessa. Una notazione merita anche la fotografia, l’uso della macchina da presa di Karim Ghorayeb, che segue delicatamente e affettuosamente tutti gli indimenticabili protagonista della fantastica ficenda.»

La giuria 2015 era composta da :

  • Romani Milani, segretario generale del Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani
  • Fabio Falzone, autore e conduttore di Effetto Notte TV2000
  • Lydia Genchi, della Nomad Film Distribution (ora NO-MAD Entertainement)

INGRESSO LIBERO fino ad esaurimento posti, seguendo il protoccolo di sicurezza COVID-19