università e studi

I vincitori del premio de Lubac 2021

Condividilo!

Martedì 5 ottobre 2021, alla villa Bonaparte, Ambasciata di Francia presso la Santa Sede, è stato consegnato ai vincitori dell’edizione 2021 il premio de Lubac. Presieduta dal Cardinal Paul Poupard e dall’Ambasciatrice di Francia presso la Santa Sede, Elisabeth Beton Delègue, la cerimonia ha visto la partecipazione di numerosi membri della Giuria del Premio, dei Magnifici Rettori Don Luis Navarro (Pontificia Università della Santa Croce) e Padre Nuno da Silva Gonçalves (Pontificia Università Gregoriana), oltre che di numerosi docenti e studenti dei due atenei. La Giuria del Premio si era riunita, in modalità ibrida, lo scorso 4 maggio 2021, per la deliberazione.

Il premio in lingua francese è stato attribuito a Don Biasgiu Santu VIRGITTI, di nazionalità francese, per la sua tesi dal titolo “Le récit de Jonas dans la Liturgie latine. Lecture liturgique de la Feria Quarta, Hebdomada prima in Quadragesima” sostenuta presso la Pontificia Università Gregoriana.
Il premio in lingua straniera è stato attribuito ex aequo a María Soledad PALADINO, di nazionalità argentina, per la sua tesi dal titolo “Autonomía teónoma y teonomía participada. Hacia una comprensión de la justa autonomía moral à partir de Veritatis Splendor”, sostenuta alla Pontificia Università della Santa Croce ed a Don Davide LEES, di nazionalità italiana, per la sua tesi dal titolo “Il peccato nella teologia di Ireneo di Lione. Uno studio analitico-sistematico» sostenuta alla Pontificia Università Gregoriana.

Come dichiarato nel comunicato stampa, la Giuria si era felicitata del sostegno da parte dei Pii Stabilimenti della Francia a Roma ed a Loreto a Suor Makamatine Mary LEMBO, di nazionalità togolese, per la pubblicazione della sua tesi, dal titolo “Relations pastorales matures et saines: Maturité affective et sexuelle pour une collaboration entre prêtres et femmes consacrées, témoignages pour le règne de Dieu”, sostenuta alla Pontificia Università Gregoriana.

Per l’anno 2020-2021, la giuria era composta da:
- Cardinal Paul Poupard, Presidente emerito del Pontificio consiglio della Cultura, Presidente della Giuria,
- Padre Serge-Thomas Bonino op, Decano della Facoltà di Filosofia ,Università San Tommaso d’Aquino, Segretario Generale emerito della Commissione teologica internazionale, Roma,
- Padre Michel Fédou sj, professore di teologia, Centre Sèvres – Facultés jésuites de Paris,
- Professor Denis Moreau, professore di filosofia, Università di Nantes, France,
- Professoressa Michelina Tenace, professoressa di teologia, Pontificia Università Gregoriana, Roma,
- Don Laurent Touze, professore di teologia, Pontificia Università della Santa Croce, Roma,
- Professor Emmanuele Vimercati, professore di filosofia, Pontificia Università Lateranense, Roma.