Institut français - Centre Saint-Louis

Condividilo!

Per saperne di piÙ

Nel 1945, nel contesto del dopo guerra, il filosofo Jacques Maritain, all’epoca Ambasciatore di Francia presso la Santa Sede decise di fondare il Centro di Studi Saint-Louis de France con lo scopo di arricchire l’Ambasciata di un centro e di un servizio culturale francese nell’ambito della Roma ecclesiastica. Maritain mirava ad un doppio obiettivo: rappresentare e diffondere il pensiero e la cultura cristiana d’origine francese verso le persone residenti a Roma, di tutte le nazionalità; ma anche di promuovere il pensiero e la cultura della Francia laica verso il clero e verso i religiosi di tutti i Paesi.
Il Centro sotto le ali del Palazzo San Luigi,costruito su un terreno ceduto ai Francesi da Sisto IV, del 2 aprile 1478, e gestito (ancora ai giorni d’oggi) dai Pii Stabilimenti di Francia e di Loreto. Per realizzare gli obiettivi che gli erano stati fissati, il Centro di studi si è trasformato a poco a poco in un Centro culturale grazie alla diversità delle proprie attività pedagogiche e intellettuali: corsi di lingua, teatro, esposizioni, proiezioni cinematografiche, conferenze, dibattiti, concerti… fino alla completa trasformazione nel 2008 della biblioteca in una vera e propria mediateca sulla Francia contemporanea.

Progressivamente, le azioni culturali del Centro culturale San Luigi di Francia si sono diversificate, soprattutto in seguito alla chiusura del Centro culturale dell’Ambasciata di Francia in Italia nel 1995, del Centro Campitelli. Da allora, il Centro San Luigi di Francia è diventato l’unico Centro culturale francese a Roma, accanto all’Accademia di Francia e ai servizi culturali dell’Ambasciata di Francia in Italia con le quali il Centro San Luigi collabora attivamente.

Dalla sua fondazione, il Centro culturale ha accolto una grand parte dell’élite intellettuale francese in occasione di incontri pubblici. Ha avuto l’onore di ricevere le visite di numerosi Papi ( Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II) ma anche uomini politici storici al pari del Generale De Gaulle. Le manifestazioni culturali chiaramente attirano un vasto pubblico romano composto da universitari, giornalisit, personalità politiche, ma più in generale tutte quelle persone che apprezzano e desiderano avvicinarsi alla lingua e alla cultura francese.

Nel 2005 la fusione dell’Alliance française con il Centro culturale San Luigi di Francia ha permesso di intensificare l’offerte pedagogica. Gli insegnamenti proposti sono vari e i corsi sono dispensati durante tutto l’arco dell’anno: corsi quadrimestrali, intensivi, in azienda, individuali, online, presso le scuole, ecc…  Gli insegnanti sono di madrelingua francese, con formazione nell’insegnamento nel FLE (Francese Lingua Straniera).

Forte della propria storia e del legame con l’Ambasciata di Francia presso la Santa Sede, l’Institut français-Centre Saint Louis sviluppa una costante programmazione aperta alle grandi questioni religiose in tutte le dimensioni culturali, sociali, etiche, filosofiche, artistiche, ecc…

Il Centro culturale San Luigi di Francia si è evoluto sotto l’impulsione dei seguenti direttori:

Padre Félix Darsy (1945-1967), domenicano, archeologo, Rettore dell’Istituto Pontificio di Archeologia Cristiana

Padre Olivier de La Brosse (1967-1995), domenicano, autore di numerosi studi storici e teologici

Monsignore Jean-Michel Di Falco (1995-1997), attualmente Vescovo di Gap

Jean-Dominique Durand (1998-2002), Professore di storia contemporanea

Vincent Aucante (2002-2006), Ingegnere e Professore di filosofia

Monsignore Patrick Valdrini (2006-2008), Rettore emerito dell’Istituto Cattolico di Parigi, Presidente Emerito della Federazione delle Università cattoliche europee, Rettore della Chiesa San Luigi dei Francesi a Roma

Jean-Luc Pouthier (2008-2010), giornalista e storico

Nicolas Bauquet (2010-2014), storico dell’Europa centrale e orientale

Olivier Jacquot (2014-2018), «agrégé» di storia

Fabienne Couty (2018-), diplomatica, attuale Consigliere culturale dell’Ambasciata di Francia presso la Santa Sede